Ridurre IMU sulle nostre case in Italia

0
237

“Fino al 2013 era possibile per i Comuni Italiani considerare adibita ad abitazione principale la prima casa in Italia posseduta dagli italiani residenti all’estero a condizione che non risultasse locata, ma oggi non è più possibile” dichiara Simone Billi, tra i promotori dell’iniziativa legislativa “perchè il Governo di sinistra ha varato la Legge 23.05.2014 n°80, G.U. 27.05.2014 per cui dal 1 Gennaio 2015 questi immobili sono da ritenersi seconda abitazione”.

“Vige una sola eccezione, per gli iscritti AIRE l’immobile in Italia si può considerare abitazione principale, e quindi esente IMU, solo se si è pensionati nello Stato estero di residenza e con pensione rilasciata dallo stesso Stato estero” spiega Billi “se si è pensionati in Italia ma si risiede all’estero, non è possibile considerare l’immobile come abitazione principale; per tutti gli altri iscritti AIRE, qualunque immobile posseduto in Italia (abitativo o non abitativo) è di fatto un normale immobile soggetto ad aliquota ordinaria deliberata dal Comune in cui l’immobile è ubicato”

Dal 2016, in applicazione della Legge di Stabilità, sgravi ed agevolazioni sono previsti per le imposte IMU, TASI, TARI sulla prima casa posseduta da cittadini Italiani residenti in Italia.

“Chiediamo pertanto che la casa, non locata o data in comodato d’uso, posseduta da cittadini Italiani residenti all’estero e iscritti all’AIRE” conclude Billi “sia equiparata alla prima abitazione in modo che tali cittadini possano avvalersi delle stesse agevolazioni previste per gli Italiani residenti in Italia”.

“Sono contento che tu abbia iniziato questa battaglia di civiltà e giustizia per mantenere saldo il legame di noi Italiani all’estero con la madrepatria” conclude l’on.Guglielmo Picchi “e mi impegnerò a portare avanti questa battaglia per tutti gli Italiani all’estero”.

Simone Billi

Mobile: +41-79-876.60.55

ufficio.stampa@simonebilli.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteIn Sicilia ha vinto Berlusconi
Articolo successivoMilena Gabanelli è fuori dalla Rai
Sono nato l’11 febbraio 1976 a Firenze dove, dopo la maturità scientifica, mi sono laureato in ingegneria meccanica. Successivamente mi sono specializzato in Diritto di Proprietà Industriale Italiano, Europeo ed Internazionale all’Università Robert Schuman di Strasburgo e al MIP di Milano. Ho quindi conseguito il titolo di Consulente in Brevetti (patent attorney). Risiedo ormai da tempo in Svizzera, a Zurigo, dove lavoro in una multinazionale nel settore Energetico come Intellectual Property leader, dove mi occupo di protezione dell’innovazione tecnologica, gestendo e valorizzando il portafoglio brevetti e marchi della società a stretto contatto con colleghi da diversi Paesi nel mondo, principalmente da Germania, Inghilterra, Francia, Spagna, Polonia, Stati Uniti, Argentina e Cina. In precedenza, avevo lavorato in uno studio legale fiorentino di grande tradizione storica per circa 5 anni, quindi in una multinazionale nel settore Energetico sempre a Firenze per 4 anni. Collaboro inoltre con Associazioni internazionali per lo sviluppo e l’aggiornamento della normativa sulla protezione della tecnologia (Intellectual Property). Sono stato responsabile organizzazione del movimento Giovanile a Firenze e successivamente, dal 2004 al 2009, Consigliere per il Popolo della Libertà. Ho presentato 116 atti in Consiglio ed ho mantenuto una presenza costante sugli organi di informazione locali, portando all’attenzione dell’Amministrazione problematiche e necessità dei residenti. Collaboro da tempo in ambito legislativo con l’on.Picchi su attività specialistiche inerenti la Proprietà Industriale ed in passato su problematiche locali inerenti il mio mandato da consigliere. A questo riguardo mi sono occupato, tra l’altro, di priorità interna, procedure di opposizione, controllo delle esportazioni tecnologiche, protezione del know-how di interesse nazionale e Made in Italy. Ho coltivato anche in Svizzera la mia attività di associazionismo e volontariato e sono attivo su più fronti, sia digitali che territoriali: sono amministratore di diversi gruppi FB di italiani all’estero, sono responsabile relazioni con il pubblico dell’istituto Italiano di cultura Dante Alighieri di Baden, e vicepresidente dell’AVIS di Baden. Partecipo a gruppi che approfondiscono tematiche enogastronomiche, in particolare in relazione a enologia, piatti tipici e “Made in Italy”. www.simonebilli.eu