Cellulari attivazioni “Svuota credito”, come richiedere il rimborso

0
62

di Daniele Capezzone

BANCHE. COMMISSIONE D’INCHIESTA.

Proposte e considerazioni conclusive di Daniele Capezzone

Roma, 21-22 gennaio 2018

 

PREMESSA

Una premessa culturale, non solo politica. Servono nuove leggi per il futuro? Alcuni – tra loro, molti magistrati – rispondono convintamente con un sì. Invocano le legislazioni più corpose di altri paesi, e criticano il fatto che l’intervento penale – in Italia – sia spesso possibile solo dopo un conclamato fallimento. Dunque, chiedono un apparato penale che possa essere operativo molto prima, con l’obiettivo – dicono – di “proteggere” i cittadini. Visione sicuramente nobile, non priva di alcuni buoni argomenti. Eppure non convincente. Per almeno tre ragioni.

Primo. Non abbiamo bisogno di un diluvio penale: l’Italia già muore di pan-penalismo, di sanzioni penali a raffica. Unico risultato: altra incertezza del diritto, una valanga di interpretazioni difformi, un’alea ulteriore che graverebbe sull’economia, un clamoroso disincentivo all’attrazione degli investimenti. Immaginiamo bene cosa accadrebbe con decine e decine di procure, con centinaia di pm, alle prese con ulteriori nuove figure di reato, addirittura riguardanti situazioni in cui un soggetto non è ancora fallito. Quante interpretazioni diverse? Quante situazioni simili trattate in modo opposto? Non bastano già oggi, oltre alla bancarotta, il falso in bilancio e l’aggiotaggio?

Secondo. Non si può applicare una logica penale a tutto, per giunta in chiave preventiva. Già le nuove e discutibilissime norme sul falso in bilancio “ingabbiano” la realtà. Un bilancio è fatto di stime: può accadere che la realtà si riveli diversa rispetto alle previsioni, senza che vi sia stata da parte dell’imprenditore una volontà dolosa di falsificazione. Non è una risposta saggia quella di tenere l’intero sistema economico sotto una spada di Damocle.

Terzo. Giusto lavorare preventivamente per una migliore informazione di investitori e risparmiatori. Ma non ha senso trattarli come se fossero minorenni che lo “stato-papà” deve accompagnare quando attraversano la strada. Questa non è una visione liberale. E’ una visione statalista, paternalista, di intervento normativo ossessivo. Il contrario di ciò di cui avremmo bisogno: e cioè informare bene cittadini e risparmiatori, e consentir loro – einaudianamente – di “conoscere per deliberare”.

Ciò detto, veniamo alle cinque proposte.

  1. COME SI STA USANDO IL DENARO DEGLI ITALIANI? LA MONTAGNA DEI CREDITI INSOLUTI.

Insieme a una non vasta minoranza parlamentare, mi sono sempre schierato contro l’uso di soldi pubblici per porre rimedio alle crisi bancarie. Siccome però ampie maggioranze hanno oltre un anno fa deciso il contrario, ora è almeno doveroso capire cosa stia accadendo oggi: quel denaro degli italiani lo si sta usando bene?

Nell’ultimo triennio ci sono state undici crisi bancarie in Italia che hanno comportato l’azzeramento totale del capitale (1 Tercas, 2 Banca Marche, 3 Banca Etruria, 4 CR Ferrara, 5 CR Chieti, 6 Veneto Banca, 7 BP Vicenza, 8 MPS, 9 CR San Miniato, 10 CR Cesena, 11 CR Rimini).

In Italia ci sono tre elementi peculiari che andrebbero considerati.

  1. a) Le crisi bancarie sono scoppiate ad effetto ritardato, ossia le banche sono state mantenute in vita con una forma di accanimento terapeutico che le ha fatte vivacchiare per circa un quinquennio dal momento dell’oggettiva emersione dello stato di difficoltà. Ad esempio la CR Rimini è stata oggetto di un primo commissariamento nel 2008 ed è stata liquidata nel 2018. Per non parlare di MPS che è tuttora oggetto di ulteriori evoluzioni che non si concluderanno prima della primavera del 2018. In sintesi: le crisi sono state insabbiate fino a farle emergere solo quando non erano più eludibiliQuanto valore si è creato (o direi si è distrutto) con la strategia del temporeggiamento?
  2. b) Il metodo di gestione delle crisi è stato concepito con creatività originale di caso in caso: ogni volta se n’è inventata una nuova. In sintesi: a parità di condizioni di contesto si sono applicate almeno cinque ricette, nessuna delle quali di mercato, con oneri per la collettività non tutti emersi oggi. Dopo le cinque esperienze si è capito se esiste una ricetta buona per il futuro, oppure dopo aver depredato le risorse di tutti i soggetti coinvolti finora, bisognerà creativamente concepire una sesta soluzione? 
  3. c) La situazione di maggior emergenza è completamente non presidiata. L’emergenza nei casi suddetti risiede nella montagna di crediti insoluti. Tali crediti di fatto sono spariti dal conto dei crediti di sistema. Quindi sono stati apparentemente insabbiati. Peccato che dall’esito degli incassi dipenderano le effettive perdite per a) i contribuenti (per la quota di azioni sottoscritte dal MEF), b) per il sistema bancario che è esposto per circa una decina di miliardi nel finanziare i veicoli pubblici e i veicoli di cartolarizzazione che hanno rilevato i crediti, c) i “privati” chiamati all’appello di Atlante (fondazioni, società pubbliche, enti previdenziali, assicurazioni).

La maggior parte dei crediti risiede in casa di due scatole praticamente vuote: SGA fondata a Napoli negli anni Novanta e praticamente a fine corsa con l’esaurimento del recupero dei crediti del Banco di Napoli, per i quali la suddetta società ha impiegato quasi venti anni per la riscossione dei crediti per arrivare al ventesimo anno e utilizzare i proventi per sottoscrivere quote del fondo Atlante, e la REV di proprietà di Banca d’Italia che ha meno dipendenti che miliardi di crediti in gestione ma ha già visto lo scioglimento di un consiglio di amministrazione per divergenze tra gli amministratori.

Occorre dunque continuare a monitorare, al di là di quanto emerso finora in modo parziale:

  1. Quanti dei crediti di tali portafogli sono stati fisicamente trasferiti dagli istituti originari a nuovi titolari?
  2. Quanti dei crediti sono stati oggetto di iniziative di recupero avviate dopo la liquidazione delle 11 banche?
  3. Quanto spesso, per effetto di assenza di presidio, sono state fatte scadere le scadenze procedurali/ i termini di prescrizione per la riscossione dei crediti a partire dalla data di liquidazione delle banche?
  4. Quanto è stato incassato dai portafogli non performing delle 11 banche dalla data della loro liquidazione? Come si confrontano questi incassi con il periodo ante liquidazione?

Dovremmo renderci conto che questi asset sono praticamente diventati parte del patrimonio pubblico e sembra evidente che purtroppo iniziano ad essere presidiati come tali. All’incuria degli immobili pubblici, dei mezzi pubblici di trasporto, dei giardini pubblici, si aggiungerà l’incuria dei crediti pubblici. Per circa 60 miliardi di euro…

  1. AFFRONTARE IL CONFLITTO DI INTERESSI DI BANKITALIA: SEPARARE I POITERI DI VIGILANZA DA QUELLI DI RISOLUZIONE DELLE CRISI

La seconda è una proposta-choc: o meglio, una proposta ragionevolissima, perfino banale, largamente praticata all’estero, e “choccante”, in Italia, solo per i cultori dello status quo, per i sacerdoti del “mota quietare, quieta non movere”.

Se vogliamo evitare che si ripetano situazioni perverse, occorre affrontare il nodo di quella sorta di “conflitto di interessi” in cui si trova la Banca d’Italia, nel momento in cui esercita sia le funzioni di vigilanza sia quelle di risoluzione delle crisi.

Molto spesso, in altri paesi, queste funzioni sono ben distinte. Se invece vengono mantenute unite, si innesca un inevitabile elemento di valutazione “politica” (cioè discrezionale, di opportunità) che può indurre ad attenuare alcune preoccupazioni e a incoraggiare forzatamente alcune soluzioni, con il forte rischio che – alla fine – l’una e l’altra cosa si rivelino assai costose per il contribuente italiano.

Qualcuno, a onor del vero, ha coraggiosamente posto il tema in ogni sede: mi riferisco a Paolo Savona, voce autorevole e – starei per dire: quindi – inascoltata.

E’ umanissimo che al momento della risoluzione delle crisi la Banca d’Italia possa coprire gli errori eventualmente commessi in sede di vigilanza. Ed è altrettanto umano che, vigilando su una situazione, la Banca d’Italia possa (moral suasion…) far capire a una banca che “deve” farsi carico di una certa altra situazione critica, salvo altrimenti subire uno scrutinio più penetrante in casa.

Non dico che questo sia avvenuto, non criminalizzo, non insinuo. Ma dico che ciò poteva, può e potrà accadere, a regole esistenti.

Quando invece regole più limpide e liberali, basate sul principio sacro e classico della separazione delle funzioni, potrebbero essere utili proprio a evitare vischiosità patologiche e opacità di questo tipo.

So di toccare tasti dolenti, ma si tratta di una questione di sistema. Un pezzo non irrilevante della crisi delle banche italiane trae origine dal fatto che la vigilanza della Banca d’Italia non abbia supervisioni esterne, e abbia contestualmente il “monopolio” delle soluzioni. Il risultato – sotto gli occhi di tutti – è un grappolo di crisi e un pesante conto presentato al cittadino-contribuente.

 

  1. TRASPARENZA SU CHI HA AVUTO FONDI E NON LI HA RESTITUITI

La terza proposta ricalca ciò che abbiamo chiesto ai magistrati auditi e ciò che scrissi (lettera aperta del giugno 2016) al Governatore di Banca d’Italia a proposito di Banca Etruria, in quel caso con risposta piuttosto deludente.

Premessa doverosa: chi scrive è un assoluto garantista. Ciò detto, però, un conto è essere garantisti, altro conto è essere politicamente ciechi.

Se tutti ribadiscono la lodevole intenzione di fare chiarezza, c’è un solo modo per assicurare piena trasparenza: poi siano le autorità a scegliere i modi e le forme in cui tale richiesta possa essere soddisfatta.

Occorre rendere noto chi, e quanto, e con quali garanzie, e con quale percorso di rientro, abbia ricevuto fidi, prestiti, erogazioni, finanziamenti, a qualsiasi titolo, dalle banche andate in crisi, con riferimento ad un arco di tempo adeguato a comprendere l’intera vicenda. Sia chiaro: non interessano “cognomi e gogne”. Ma i fatti e le cifre sì.

Tuttora, infatti, piccole imprese e cittadini, quando si recano presso una banca anche per un piccolo fido, sono sottoposti a uno scrutinio severo. E’ opportuno misurare la distanza tra questa prassi e quanto è invece avvenuto presso le banche oggetto delle varie inchieste, dove (tra delibere carenti e decisioni allegre per gli “amici” e gli “amici degli amici”) si sono verificati casi classici di “crony lending”, determinando il dissesto e i danni che sono parzialmente venuti alla luce.

Un’operazione-verità appare quanto mai necessaria: sia per i contribuenti, sia per le banche ben amministrate, quelle che hanno agito correttamente e che sono e saranno chiamate a sopportare i danni e gli effetti collaterali delle altrui cattive gestioni.

Accanto ai cittadini che bramano sanzioni penali, ce ne sono altri che desiderano trasparenza, accountability, e un mercato in cui attori e giocatori rispettino le stesse regole. La certezza è che questa seconda categoria di cittadini sia stata troppe volte delusa.

Questo implica anche un’analisi puntuale sulle autorizzazioni interne agli istituti sulle erogazioni dei fidi. In base a quali informazioni sono stati rilasciati i fidi? Quale merito creditizio aveva ciascuna controparte? Quanto sono state accurate le revisioni critiche ai singoli business plan? Quali controgaranzie sono state richieste ai clienti? Su quali basi economico-finanziarie sono stati contrattualizzati i termini di rientro? Quale conoscenza specifica del settore possedeva l’istituto per intraprendere i vari investimenti?

 

 

  1. UNA PROPOSTA PER I DANNEGGIATI: IL WARRANT

 

La quarta proposta è anche la possibilità di una misura successiva di ristoro per i danneggiati, senza gravare sulle tasche dei contribuenti. Una misura market-friendly, che ricalcherebbe la strada che fu positivamente seguita nel 1982 dopo il crollo del Banco Ambrosiano per ridare fiato ai vecchi azionisti (ne furono protagonisti il Governatore Ciampi, il ministro Andreatta, e Giovanni Bazoli alla guida del Nuovo Banco Ambrosiano): quello schema è forse praticabile anche oggi. Assegnare warrant – quindi un’opzione – in questo caso agli obbligazionisti subordinati sarebbe un modo di metterli potenzialmente in condizione di recuperare in futuro almeno qualcosa, dopo le perdite eventualmente subite.

Sappiamo bene che oggi quel warrant varrebbe molto poco. Ma metterebbe in condizione i titolari di essere i migliori “cani da guardia” delle gestioni intervenute dopo il dissesto, oggi colpevolmente abbandonate a se stesse.

  1. IL CASO (MAI ABBASTANZA AFFRONTATO) DELLE BANCHE POPOLARI

Tra le responsabilità e gli errori dell’ultimo triennio, e in buona misura della stessa Commissione, c’è stata la scelta di non occuparsi adeguatamente dell’”operazione” (anzi della guerra-lampo) del Governo Renzi contro le banche popolari.

Nessuno nega che anche il mondo delle popolari avesse delle anomalie, delle singolarità non tutte fisiologiche. Ma tempi, modi e caratteristiche di quella “riforma”, con tanto di anticipazioni che hanno consentito eccezionali operazioni speculative, lasciano sul terreno domande senza risposta.

C’è un rischio generale e di sistema, in primo luogo: un intervento dirigista e illiberale rischia di favorire non la concorrenza ma un oligopolio bancario.

Da sottolineare anche un dettaglio formale: il decreto viene varato in “vacanza” di un Presidente della Repubblica, con funzioni vicarie esercitate dal Presidente del Senato Grasso, che (nonostante i suggerimenti e le puntuali osservazioni di molti, incluso – ultimo – chi scrive queste pagine) firma il decreto avallando senza fiatare le ragioni di straordinarietà e urgenza dell’intervento normativo.

Aggiungo due considerazioni politiche.

La prima. Tuttora molti aspetti della “riforma” sono sub iudice dinanzi alla Corte Costituzionale. E in pochi si sono preoccupati di spiegare rischi e conseguenze di uno stallo (prevedibile) e di un’incertezza giuridica che in diversi avevamo paventato.

La seconda. Chi scrive è un liberale, un fautore convinto dell’apertura di ogni possibile mercato, e un avversario naturale di ogni misura di “protezione”, meno che mai di sapore nazionalistico. Tuttavia, un conto è essere liberali e privatizzatori, altro conto è essere ciechi dinanzi alle svendite. Furono svendite molte (false) privatizzazioni dei primi anni Novanta (tra governi deboli, tecnici al potere, politici spaventati e sottomessi), con segmenti importanti di chimica, meccanica, agroalimentare, grande distribuzione e banche – appunto – svenduti per qualche sacchetto di perline.

Nell’Italia del 2018, si rischia (in forma diversa: qui non si tratta di proprietà statali o pubbliche) il secondo tempo di quella partita. Stavolta (e naturalmente l’area franco-tedesca già ringrazia) nel mirino ci sono le banche rimaste, i risparmi e gli immobili degli italiani.

Roma, 21-22 gennaio 2018

Daniele Capezzone



FONTE : CONSUMERISMO

Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte