Frana in Sichuan (Cina). Scomparse 140 persone.

0
147

Si teme che più di 140 persone siano rimaste sepolte in una frana nella provincia di Sichuan, nella Cina sud-occidentale.

Circa 40 case sono state distrutte nel villaggio di Xinmo nella contea di Maoxian, dopo che il lato di una montagna è crollato alle 06:00 di mattina.

Le squadre di salvataggio cercano freneticamente i sopravvissuti intrappolati sotto le rocce.

Le immagini pubblicate dal quotidiano People’s Daily che lo sforzo di salvataggio continua.

Una coppia e un bambino sono stati salvati e portati in ospedale.

La frana ha bloccato un tratto di due chilometri (1,2 miglia) di un fiume, riferiscono i funzionari locali.

La polizia locale ha dichiarato all’emittente statale CCTV che la frana era stata innescata dalle recenti piogge recenti nella regione e che la situazione è stata peggiorata da una mancanza di vegetazione nella zona.

“Ci sono parecchie tonnellate di roccia”, ha detto il capitano della polizia Chen Tiebo all’emittente, aggiungendo: “È una zona sismica qui”.

Le strade della contea sono state chiuse sabato a tutto il traffico tranne cche ai servizi di emergenza.

Le frane sono un pericolo costante nelle regioni montuose della Cina, soprattutto durante le piogge pesanti.

Nel 2008, 87.000 persone sono state uccise quando un terremoto ha colpito la contea di Wenchuan nella provincia di Sichuan.