Grande attesa oggi per i risultati delle Elezioni Comunali in 1.009 comuni italiani.

0
89

Le Elezioni Comunali 2017 si terranno l’11 giugno nelle regioni a statuto ordinario, Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Sicilia. Per il turno di ballottaggio si tornerà a votare il 25 giugno.

Complessivamente, considerando tutte le regioni, sono interessati gli elettori di 1.009 comuni, di cui 785 appartenenti a regioni ordinarie e 224 a regioni a statuto speciale.

Si voterà in venticinque comuni capoluogo di provincia (Alessandria, Asti, Belluno, Catanzaro, Como, Cuneo, Frosinone, Genova, Gorizia, L’Aquila, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Palermo, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Taranto, Trapani e Verona), di cui quattro sono anche capoluogo di regione (Catanzaro, Genova, L’Aquila e Palermo).

Superano i 100.000 abitanti le seguenti città: Genova, Monza, Padova, Palermo, Parma, Piacenza, Taranto e Verona.
Saranno le prime elezioni per il comune di Mappano (TO), istituito nel 2013 ma rimasto sospeso fino al 21 febbraio 2017 per un ricorso presentato dal comune di Settimo Torinese al T.A.R. del Piemonte.

Il comune più piccolo alle elezioni è Blello (BG), che conta solo 71 abitanti al 31 dicembre 2015, data dell’ultimo bilancio demografico annuale Istat.

Sono state rinviate le elezioni per i comuni di Austis (NU), Cencenighe Agordino (BL), Elva (CN), Faeto (FG), Penna San Giovanni (MC), San Luca (RC) e Soddì (OR) per la mancata presentazione di liste di candidati.
Sono state revocate le elezioni per i comuni di Bova Marina (RC), Calatafimi-Segesta (TP), Casteldaccia (PA), Castelvetrano (TP), Gioia Tauro (RC), Laureana di Borrello (RC), Monforte San Giorgio (ME), San Felice a Cancello (CE) e Valdina (ME).
Revocate anche le elezioni per i comuni di Spezzano Piccolo (CS) e Trenta (CS) perché sono stati soppressi a seguito di in un processo di fusione di comuni.

Per i comuni al voto è considerata la popolazione legale risultante dal Censimento 2011. La popolazione legale determina la modalità di voto (turno unico o con turno di ballottaggio) ed il numero di consiglieri ed assessori degli organi istituzionali.