L’agricoltura verticale come soluzione al pianeta sovrappopolato (I parte).

    Igienica e meno inquinante, più veloce da produrre e a km zero, solo vantaggi dalla verdura prodotta artificialmente.

    0
    72

    Un’altra roba strepitosa che ho imparato alla Singularity University è legata all’agricoltura verticale, o urbana, come preferite, che dovrà rispondere alla fatidica domanda: cosa dobbiamo mangiare una volta che ci saranno più di nove miliardi di esseri umani sulla Terra?

    Il GrowWise Center all’High Tech Campus di Eindhoven è una risposta. Nel senso che si tratta di un impianto di ricerca agricolo verticale che in estrema sintesi, attraverso un sistema integrato, è in grado di creare verdure in ambienti chiusi, detti per l’appunto “camere di crescita”. All’interno di queste camere di crescita l’aria è calda e umida, gli odori sono quelli tipici di una fattoria tradizionale senza la puzza di letame ma con soffitti pieni di centinaia di lampadine al led di diversi colori, dal blu al rosso, dal bianco al violaceo, a ricreare lo spettro della luce solare, che va dai raggi ultravioletti a quelli infrarossi. Perché nella fotosintesi le varie lunghezze d’onda della luce vanno a interagire con la clorofilla e contribuiscono quindi a formare glucosio e cellulosa, il materiale strutturale delle pareti cellulari. Con tempistiche più veloci al GrowWise che in una serra tipica, visto che i led di Eindhoven portano dal seme al raccolto in 30-40 giorni contro i tradizionali 60-65 giorni delle serre orizzontali.

    “Quello che abbiamo fatto con i led – spiega Gus van der Feltz, direttore della collegata City Farming, in una documentazione della Singularity University – è ottimizzare le condizioni di crescita”. Perché: “Ci sono elementi della luce solare che le piante non utilizzano in modo efficiente e che possono essere ridotte o eliminate”.

    Le colture necessitano di diverse intensità di luce mentre passano attraverso i vari stadi della crescita e vengono costantemente monitorati da sensori e software che modificano le condizioni per renderle ottimali. In più, però, attraverso questo controllo totale, tra processi di fotosintesi e combinazione di altri fattori di crescita, è anche possibile spingersi oltre determinando il colore della lattuga o un sapore più dolce delle fragole.

    Nello specifico, ogni pianta si trova in un contenitore di corteccia di cocco sterilizzata, che funge da substrato per la germinazione e lo sviluppo della radice e con esse che si estendono in basse profondità di acqua ricca di sostanze nutritive. Ed ecco un’altra differenza sostanziale rispetto alle coltivazioni tradizionali: le piante stanno costantemente in acqua piuttosto che essere periodicamente spruzzate, rendendo di fatto l’agricoltura verticale una coltura idroponica.

    Segue e termina giovedì 21 settembre.

    Qui la versione in PDF

    About the Author

    Alberto Forchielli, born in 1955 – MBA with Honors from Harvard Business School and BA cum laude in Economics from University of Bologna – is Founder, Partner, Managing Director, Investment Committee Member and Member of the Board of Mandarin Capital Partners; Founder and President of Osservatorio Asia, a non-profit Research Center focusing on Asia; Founder and President of Cleantech srl, a renewable energy company mainly focused on developing and managing utility-grade solar energy projects. From July 2012 he is Director of the Executive Council of CEIBS (China Europe International Business School) in Shanghai. Forchielli is an expert in international business development, particularly in China and India, thanks to his strategic abilities based on a 30 years experience. He publishes a weekly release: ‘Notebook from Shanghai’ on Radiocor Il Sole 24 Ore, the largest Italian Financial Press Agency. He also holds weekly interviews on China economy on Radio 24 – Il Sole 24 Ore and he publishes his own Blog on Caixin Media website in China: fugeli.blog.caixin.com/, and his own English blog: www.albertoforchielli.com. Born in Bologna, in his own operative background he experienced working and extensively living in several Countries all over the world: Singapore at Finmeccanica, Washington DC at World Bank, Luxembourg at European Investment Bank, Rome at IRI Group, Turin, Boston and London, Santiago and Lima at Mac Group, Hong Kong and Shanghai at Mandarin Capital Partners.

    FONTE : Alberto Forchielli
    Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte