Nord Corea, sale la tensione: Gli Stati Uniti pronte ad utilizzare “forze militari considerevoli se costretti”

0
116

Descrivendo l’ultimo test del missile del Nord come una forte impennata militare, l’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite ha dichiarato che gli Stati Uniti presenteranno una nuova risoluzione contro Pyongyang.

L’ambasciatore Nikki Haley ha anche minacciato di usare restrizioni commerciali.

Il lancio dei missili, ultimo in una serie di test, era vietato dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Il lancio di prova di un missile balistico intercontinentale (ICBM) della Corea del Nord ha “chiuso la possibilità di una soluzione diplomatica”, ha dichiarato la sig.ra Haley.

“Gli Stati Uniti sono disposti a utilizzare la piena gamma delle nostre capacità per difendere noi stessi e i nostri alleati”, ha detto l’ambasciatore statunitense al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

“Una delle nostre capacità è rappresentata dalle nostre notevoli forze militari, li utilizzeremo, se dobbiamo, ma preferiamo non dover andare in quella direzione”.

L’ambasciatore francese ha detto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni che la Francia favorisce anche una nuova risoluzione sulla Corea del Nord, per aumentare le sanzioni.

La Russia, che ha condannato il test missilistico, ha dichiarato che la possibilità di utilizzare misure militari “dovrebbe essere esclusa”.

Il rappresentante della Cina ha dichiarato che Pechino ha condannato le azioni della Corea del Nord come inaccettabili. Ma ha ripetuto la chiamata della Cina e la Russia agli gli Stati Uniti a invertire i piani per dispiegare un sistema anti-missile in Corea del Sud e per i due paesi a sospendere i loro eserciti militari congiunti vicino alla Corea del Nord.

Sia la Russia che la Cina sono membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e potrebbero porre il veto a qualsiasi nuova risoluzione.