Vi spiego perché le Coop sono finite.

    0
    141

    I crediti sociali, anche detto prestito sociale, sono per le cooperative un vero problema, direi oggigiorno un boomerang che arriva dal passato, va gestito ma spesso gli amministratori non sono assolutamente capaci e si devono affidare agli squali … le banche che coprono e se non lo fanno = liquidazione o fallimento = prestito sociale in fumo.

    Questo sistema, nato per finanziare le coop stesse per l’ottenimento dello scopo sociale, quale che sia la tipologia di coop, consumo o edilizia, si è ritorto contro perché ovviamente raccogliere soldi dai soci va a bilancio come un debito che ovviamente va adeguatamente gestito e remunerato con gli interessi passivi.

    Il cane si morde la coda e rischia di rimanere senza, soci al seguito.

    Sistema che in principio era una buona fonte di raccolta soldi ma che oggi come oggi è costoso se lo si confronta con i tassi al tappeto che avete in Europa ma cosa sta accadendo?

    Le Cooperative non sono sufficientemente liquide per poter ripagare, non tanto gli interessi passivi che sono di ammontare relativamente piccolo, ma il prestito stesso.

    Quindi nell’ipotesi in cui anche 1/2M€ sono drenati dal deposito si riflettono immediatamente per una coop in un debito che va shiftato dal socio alla banca che presterà i soldi alla Coop per darli al socio che li preleva, se la banca chiude i rubinetti fallisce.

    Intanto le Coop si tengono in pancia il debito con i soci e lo spostano nel tempo con il prestito sociale vincolato che sposta lontano nel tempo l’eventuale prelievo del socio. Questo ha un costo però, interessi in teoria più alti.

    Credo che il futuro del modello cooperativa sia finito anche perché lo stato non le supporta più. Oggi il bacino di voti si è spostato sta sui social non nelle coop.